dieta proteica

Dieta proteica, ecco i vantaggi

Le proteine sono un nutriente essenziale per il nostro organismo. In un’alimentazione equilibrata il loro apporto è fondamentale per garantire la funzionalità dei muscoli, la produzione delle cellule e la riparazione dei tessuti danneggiati.

Gli sportivi necessitano di un fabbisogno maggiore e seguono una dieta proteica mirata agli obiettivi che intendono raggiungere. Ma un’alimentazione che predilige le proteine è spesso seguita anche da chi vuole dimagrire. Il fai da te in questi casi va affrontato con molta cautela perché una dieta troppo ricca di proteine può arrecare problemi al nostro corpo.

Nella dieta proteica si preferiscono le proteine rispetto ai carboidrati. Chi vuole dimagrire ritiene che sia una dieta ideale perché permette di non recuperare i chili persi e di mantenere la massa magra. Gli esperti nutrizionali affermano che il fabbisogno proteico è pari al 10-15% delle calorie totali introdotte giornalmente. Tutti, anche gli sportivi, non dovrebbero superare al giorno il limite di 2 grammi di proteine per chilogrammo di peso corporeo.

I cibi fonte di proteine sono carne, latte, legumi. Privilegiare questi alimenti a discapito dei carboidrati porta come effetto il dimagrimento. Questo accade perché le proteine stimolano precisi effetti come il senso di sazietà, la termogenesi e la gluconeogenesi. La termogenesi è il processo metabolico per cui determinati cibi bruciano calorie. Con la gluconeogenesi si ha la sintesi del glucosio che riduce così l’appetito.

Seguire una dieta proteica ha dei pro ma anche dei contro. I pro sono il dimagrimento, come detto in precedenza, e la tenuta della massa magra senza recupero dei chili persi. Un altro vantaggio è la protezione del sistema cardiovascolare perché questo tipo di dieta diminuisce l’eccesso di colesterolo. Ma a questo proposito va precisato che non tutte le fonti di proteine garantiscono questo beneficio perché, ad esempio, la carne e particolari formaggi sono ricchi di grassi saturi nemici del colesterolo.

I contro della dieta eccessivamente proteica riguardano il rischio di affaticare i reni con possibili effetti negativi per le vie urinarie come la calcolosi. Inoltre c’è il pericolo di aumento delle malattie metaboliche.

In una dieta equilibrata dovrebbe esserci una percentuale quasi uguale di carboidrati e proteine, con una lieve maggioranza dei primi. Senza dimenticare l’apporto fondamentale degli altri nutrienti quali vitamine, sali minerali e anche i grassi preferendo quelli insaturi (olio di oliva, pesce) rispetto a quelli saturi (carne rossa, burro).